Le Banche Commerciali

banca commerciale

BANCHE COMMERCIALI

Istituti che raccolgono il risparmio ed esercitano il credito a breve termine.

Istituti di credito di diritto pubblico:

(Banco di Napoli, Banco di Sicilia, Banca nazionale del lavoro, Istituto San Paolo di Torino, Monte dei Paschi di Siena, Banco di Sardegna).

Sono persone giuridiche pubbliche , fondazioni, che svolgono le operazioni bancarie a fini di interesse pubblico.

Gli amministratori vengono nominati dal Governo .

Dispongono di fondi in dotazione, possono emettere obbligazioni e certificati di deposito.

Banche di interesse nazionale:

(Banca commerciale italiana, Banco di Roma, Credito italiano).

Sono società per azioni controllate dall’IRI con un ampia organizzazione di carattere nazionale. Hanno filiali in almeno 30 province. Servono soprattutto a finanziare l’industria e operano in concorrenza tra loro.

Banche ordinarie di credito:

(Banca nazionale dell’agricoltura, Banco di Santo Spirito, Banco Ambrosiano, Credito Commerciale, Banca d’America e d’Italia, ecc.).

costituite con capitale privato come società per azioni, svolgono le normali operazioni bancarie soprattutto a carattere locale, anche se alcune di esse operano su più regioni.

Banche popolari cooperative:

Sono società a responsabilità limitata nella forma cooperativa cioè con capitale illimitato, ma a responsabilità limitata fondate sull’esempio di quelle tedesche: rivolgendo la loro gestione al credito concesso al lavoro, agli artigiani, ai piccoli commercianti e industriali.

E’ stato costituito un Istituto Centrale Banche Popolari per rendere più intensa l’attività di queste banche e coordinarle.

Casse rurali e artigiane:

Società cooperative che operano prevalentemente in territorio locale rivolgendo particolari attenzioni alle piccole aziende. Godono di particolare elasticità operativa in quanto non sono soggette ad alcun vincolo amministrativo che è invece previsto per la maggioranza delle altre banche.

Casse di risparmio e Monti di credito:

Le casse di risparmio hanno la figura di enti morali o associazioni, prestano particolari attenzioni soprattutto alle piccole aziende, artigiani e coltivatori., devolvendo gli utili alle proprie riserve patrimoniali e alla beneficenza.

I Monti di credito su pegno concedono prestiti di importi anche minimi contro garanzia di pegno su cose mobili ma ora svolgono anche normali operazioni di credito.

Sono nate per combattere l’usura e poter fare prestiti anche alle categorie più povere.